JOIN IAA!

Employee engagement:
il coinvolgimento dei dipendenti dopo il Covid-19

Scegli un lavoro che ami, e non dovrai lavorare neppure un giorno in vita tua”, ma è davvero così?

Secondo gli studi, tra cui quelli di Gallup, i lavoratori maggiormente coinvolti nella vita aziendale sono effettivamente più produttivi e soddisfatti. Il tema del coinvolgimento dei dipendenti è in continua espansione, soprattutto a seguito della pandemia da Covid-19 e del conseguente aumento del lavoro da remoto.

 

Il valore dell'employee engagement

Con questo termine si fa riferimento al coinvolgimento di un lavoratore all’interno della propria organizzazione facilitandone la condivisione dei valori e consolidando l’importanza del ruolo di ciascun dipendente.

In questo modo è possibile accrescere il senso di appartenenza e la motivazione diminuendo il turn over e il rischio di perdere persone talentuose. Se un lavoratore sposa la mission aziendale e si sente compreso e valorizzato all’interno della realtà in cui lavora, allora partecipa allo sviluppo e al consolidamento della stessa con più efficienza e collaborazione.

La correlazione tra maggiore coinvolgimento e crescita aziendale è assodata e i manager hanno capito di avere un’enorme responsabilità nel favorire l’engagement e quindi raggiungere obiettivi di business.

 

Misurare l'engagement e migliorare il coinvolgimento dei dipendenti

L’unico modo per valutare il grado di engagement di un dipendente è il dialogo attraverso il quale è possibile misurare la soddisfazione e la motivazione dello stesso. Passione, fiducia e comunicazione interna sembrerebbero gli ingredienti necessari per garantire il senso di appartenenza.

Come favorire il coinvolgimento aziendale? Ecco alcuni elementi chiave da considerare per favorire l'employee engagement nel contesto post pandemico

  1. Digital workplace. Lo smart working permette di lavorare da dove si desidera, ma molto spesso – soprattutto a causa della pandemia – limita i lavoratori a casa, riducendo, se non addirittura annullando, i contatti diretti con le persone all’esterno. Per questo motivo diventa fondamentale creare spazi di lavoro attraverso cui facilitare la comunicazione e il confronto, rendere chiari i processi e favorire il lavoro in team.
  2. Trasparenza. Favorire un dialogo continuo con i propri dipendenti è fondamentale sia per condividere i processi decisionali che per approfondire il percepito di ciascuno. Conoscere i lavoratori in modo più personale e trasmettere loro passione e competenze crea un ambiente di lavoro sano e positivo.
  3. Apprezzamento. Premiare i dipendenti meritevoli e puntare sulla loro crescita professionale, attraverso piani di carriera e formazione, è fondamentale per aumentare il senso di appartenenza e la produttività sul posto di lavoro.
  4. Team building. Concedersi momenti di svago da condividere con i propri collaboratori è importante per instaurare relazioni basate su fiducia reciproca e una maggiore conoscenza.

A questo punto, raggiunto l’employee engagement il passo successivo è sfruttare employee advocacy e rendere i propri collaboratori la voce e il volto dell’azienda: dei veri e propri ambassador che attraverso la propria figura sono in grado di promuovere e rendere appetibile la realtà in cui lavorano.

Il mondo del lavoro sta cambiando, e con esso anche la relazione tra imprese e dipendenti. Oggi più che mai sono i lavoratori a selezionare il datore di lavoro. La sfida per le imprese allora non è più solo attrarre i dipendenti, ma anche riuscire a trattenerli in impresa, coinvolgendoli nel quotidiano

Il Phygital Work Manifesto si pone come guida per orientare questi cambiamenti organizzativi e aiutare le imprese a vincere la battaglia dei talenti: dall'attrazione, al coinvolgimento fino alla fidelizzazione. Scopri di più sul sito dedicato.

New call-to-action

Articolo scritto da Marta Laneri

collisions-informazioni
Click me

Seguici sui social