JOIN IAA!

Employer branding e organizzazione aziendale:
i primi dati di PHeeb

 

PHeeb - Phygital Environment for Employer Branding Innovation – ha, tra gli obiettivi, quello di produrre dati validati, atti ad orientare le scelte di innovazione organizzativa facendo luce su diversi fenomeni legati all’Employer Branding.

Con la conduzione di ricerche scientifiche e accademiche PHeeb mira allora a osservare il mercato proponendo insight utili per guidare i datori di lavoro in un contesto sempre più competitivo e rivoluzionato.

Il 22 giugno 2022 si è tenuto il primo Cultural Event “Che tempo fa nella vostra impresa”, nella sede di Progetto CMR, per raccontare alcuni dei principali dati emersi dall’omonima ricerca che ha coinvolto oltre a 200 imprese italiane, condotta dal socio Corporate Digital Dictonary.

Vediamoli insieme e scopriamo i prossimi appuntamenti in programma.

 

L'attuale contesto e l’Employer Branding

Lo smart working e la digital transformation, fortemente accelerati dalla crisi pandemica, hanno messo in luce alcuni problemi preesistenti nel mondo del lavoro. Disorganizzazione, carichi di lavoro eccessivi, mancata preparazione alla digitalizzazione, burocrazie basate su prinicipi ottecenteschi sono solo alcuni di questi.

Così, i lavoratori sono diventati sempre più coscienti dellimportanza di vivere un’esperienza di lavoro positiva, degna di essere esperita. Ma non solo: sono diventati sempre più esigenti. Non si accontentano più di ricevere un buono stipendi, bensì richiedono ora un ambiente di lavoro allineato con il proprio perchè, i propri valori etici, che sappia tutelare il loro wellbeing.

Risulta chiaro, allora, come l’employer branding sia la disciplina chiave per i datori di lavoro che desiderano essere attrattivi verso nuovi collaboratori, fidelizzando i dipendenti già in impresa. 

 

La diffusione della strategia di Employer Branding 

Sebbene alcuni cambiamenti fossero già in atto prima della crisi pandemica, quest'ultima ha dato una forte spinta propulsiva per adottare nuovi principi organizzativi. Le aziende se lo aspettavano? Erano pronte ad affrontare il cambiamento?

Secondo la ricerca, non del tutto. I datori di lavoro hanno però chiaramente percepito l'importanza di cambiare le proprie prassi consolidate.

Dai dati, infatti, si evidenziano lacune nelle imprese partecipanti che si dimostrano ancora troppo acerbe nella formalizzazione di strategie di employer branding e di comunicazione a suo supporto: oltre la metà di esse non ha definito una strategia di employer branding e non ha elaborato strategie di comunicazione interne ed esterne.

Ma cosa comunicare nella propria strategia di employer branding?

Cultura e valori aziendali sono risultati essere gli elementi chiave per una strategia di successo: essendo asset intangibili, unici di un'impresa, sono capaci quindi di distinguerla dai concorrenti.

Vuoi scaricare tutti i dati? Clicca qui per avere i risultati completi di "Che tempo fa nella vostra impresa?" e scoprire di più sull'employer branding nel new normal.

 

I modelli di organizzativi

Quali sono i principali allora modelli organizzativi presenti in impresa e da cosa si caratterizzano?

Una seconda ricerca condotta da Digital Dictionary si è posta l’obiettivo di comprendere quali saranno i trend per l’innovazione organizzativa in un contesto post-pandemico e come avverrà la suddivisione e il coordinamento del lavoro nel new normal.

Condotta su oltre 150 imprese italiane ha dato luce a risultati significativi che saranno presentati il 29 settembre 2022. Presto saranno aperte le iscrizioni.

New call-to-action

 

 

 

collisions-informazioni
Click me

Seguici sui social