JOIN IAA!

Social Media Trends 2023.
L'intervista a Francesco Turco, Marketing Manager Talkwalker Italy

Ogni anno Talkwalker, socio Corporate IAA Italy Chapter, lancia l’attesissimo rapporto #SocialMediaTrends2023: quest’anno il report ha visto la collaborazione con Khoros, una piattaforma di Customer Engagement pluripremiata per fornire consigli pronti da mettere in pratica.
Abbiamo intervistato Francesco Turco, Marketing Manager Talkwalker Italy.

Cosa significa per Talkwalker elaborare questo report ogni anno?

L'appuntamento annuale con il rapporto sulle tendenze dei social media è per noi un modo di mettere gli insight della Social Intelligence a disposizione degli specialisti di marketing e dei brand italiani, in modo da ispirarli a trovare soluzioni creative e basate sui dati a questioni pregnanti per il pubblico. Personalmente vedo il rapporto anche come un grande hub dove ogni anno esperti di settore di tutto il mondo possono riunirsi e confrontarsi sul futuro digitale di ogni settore nei principali mercati.

Qual è stato il valore aggiunto della nuova collaborazione che avete instaurato con Khoros, la pluripremiata piattaforma di engagement dei clienti?

Khoros è una delle piattaforme di Social Suites più utilizzate al mondo, in cui abbiamo identificato un know-how importante nell'ambito dei social media. Abbiamo trovato un'ulteriore affinità nel riconoscimento conferito ad entrambi come Leader nelle rispettive categorie del prestigioso rapporto The Forrester Wave. Laddove Talkwalker ha apportato i dati in questa ricerca, Khoros ha messo a disposizione la sua expertise in ambito Social per contestualizzarli ed inquadrare le tendenze da proporre nel rapporto finale. La collaborazione non si limita al rapporto sulle tendenze dei social media, offriamo infatti accesso ad entrambi i tool in un unico pacchetto di cui i brand possono avvalersi per una comprensione dei Social a 360 gradi.

Riflettendo sulle nuove tendenze del 2023, i social network decentralizzati saranno la prossima grande novità. Quali saranno i rischi e i vantaggi per i consumatori?

L'utilizzo dei dati degli utenti da parte delle principali piattaforme di social media è una delle tematiche più discusse in questo ambito; è naturale che il mercato sviluppi un'alternativa che affronti queste preoccupazioni. Le piattaforme che si propongono come decentralizzate non sono ancora pienamente mature, ma i nostri dati dimostrano che ci sono alcuni attori emergenti che potrebbero stabilirsi come top player nel 2023.
Gli utenti che abbracciano questo nuovo medium dovranno re-imparare le convenzioni nella comunicazione e come rapportarsi nei confronti di questa nuova comunità, guadagnando una consapevolezza più profonda sull'importanza del valorizzare i propri dati online. 

Tra le tendenze che avete analizzato, c’è un crescente senso di urgenza nelle conversazioni sulla sostenibilità ambientale. Quali azioni concrete si potranno mettere in atto? I brand avranno un ruolo sempre più determinante?

I nostri dati ricavati con la Social Intelligence dimostrano che per gli utenti il tema della sostenibilità ambientale è sempre più determinante nelle loro decisioni di acquisto. Negli anni passati abbiamo visto i brand imparare a comunicare con il cliente in questo tipo di ottica, facendo leva sulle tematiche giuste ed andando a toccare questioni che stanno loro a cuore. Non tutti i brand però sono riusciti ad inglobare questa tendenza per evolvere la loro cultura aziendale in termini di processi produttivi e di vero attivismo; con un'utenza sempre più informata ed attenta è probabile che i marchi che non riusciranno ad adattarsi appieno verrano tagliati fuori da questa opportunità nel 2023.

Nel 2023, come emerge dal vostro report, i brand abbandoneranno l'uso dei profili di clienti ideali per rivolgersi a community più ampie. Perché la buyer personas ha lasciato il posto alle comunità?

Vediamo come nell'informazione piattaforme quali Telegram e Discord diventino sempre più popolari; sembra che gli utenti prediligano in misura sempre maggiore canali "orizzontali" piuttosto che "verticali", dove le informazioni vengono condivise equamente in spazi comuni, piuttosto che distribuite dall'alto. È un pò come se la comunicazione multidirezionale stia acquistando più popolarità, a scapito di quella monodirezionale.
Applicare questo criterio nel modo in cui i brand coinvolgono il pubblico permette di fornire esperienze di acquisto più personali ed autentiche, specialmente se all'equazione aggiungiamo fattori come lo UGC e l'influencer marketing. 

Quali le principali sfide che Talkwalker vuole intraprendere e vincere nel prossimo futuro?

Diciamo che nel 2023 si prospettano delle sfide piuttosto impervie, a prescindere dal settore o il mercato di riferimento. Supportare i brand in questo percorso con insight affidabili sui loro consumatori è già di per sé una sfida per la quale intendiamo dare il meglio. Un altro tema che ci sta molto a cuore in Italia è quello della digitalizzazione: ci sono tutti i presupposti per una piena maturità digitale delle principali industrie italiane. Vogliamo essere tra i catalizzatori affinché questo avvenga il prima possibile.


Il rapporto #SocialMediaTrends2023 rivela le dieci tendenze che saranno cruciali durante il prossimo anno, unitamente ad insight basati sui dati per comprendere perché questi trend sono così importanti.

Troverai inoltre:
- il contributo di importanti professionisti ed esperti di settore;
- campagne che hanno dettato nuovi standard;
- indicazioni pratiche che puoi implementare da subito, per stare davanti alla concorrenza nel 2023

 

Scarica il rapporto #SocialMediaTrends2023

collisions-informazioni
Click me

Seguici sui social